Slide background

aneto-nudo
ANETO-VESTITO

Aneto

Anethum Graveolens

L’origine del nome deriva dal Greco aneeson oppure aneeton e dal latino graveolens con il significato di ”odore forte” e “pungente”. Si presume che origini dal sud est asiatico ed Europa sud orientale. La piantina dalle foglie sottili viene chiamata nei paesi nordici ”Dill” derivato da “dilla” con il significato di calmante.

In cucina

L’aneto viene utilizzato per la preparazione di molti piatti. Le foglioline fresche possono essere aggiunte alle pietanze a base di pesce in modo particolare al salmone. Ideale con vari tipi di carne tra cui agnello, maiale e pollame. Si abbina con le verdure tra cui cavolfiori, melanzane, spinaci, patate e piatti a base di uova e aggiunto a insalate e zuppe.

icone simonato-05icone simonato-13